Una storia vera di vita reale

Italiano

è sera... Passeggio nel solito tragitto verso casa quando da lontano vedo sei donne ferme vicino ad un semaforo... in fila... a distanza di un metro l'una dall'altra... Una bionda con i capelli a caschetto, carnagione bianca, statura media, forme normali, vestito bianco cortissimo... Una mora, capelli neri a caschetto, un po' abbronzata, leggermente bassa, forme generose, vestito a fantasia natura su sfondo bianco cortissimo... Un'altra mora, capelli lunghi raccolti a codino, statura normale, forme piccoline, magra, top nero e mini mini gonna rossa... Una donna di colore, forme prosperose, statura media, toppino nero e fuseaux nero trasparente... Una ragazza bruna, alta e con forme generose, tutta vestita in jeans... Una ragazza alta quanto me, un po' in carne e molto abbondante nelle forme, con toppino e mini mini gonna nera... 

Mi avvicino rallentando il passo... anche una macchina rallenta... La ragazza con il disegno della natura si avvicina alla macchina... Un uomo allunga la mano dalla macchina... abbraccia... poi tocca il fondoschiena... Continua a toccare e le dita si insidiano fin giù tra le graziose forme... La ragazza si ribella... La macchina si allontana mentre la ragazza torna sul marciapiede... La domanda "cosa ci fanno sei donne quì così belle" trova una risposta forse triste o forse no...

Cammino tra di loro guardandole... E l'occhio cade... Osserva quei graziosi triangolini che si formano tra le cosce unite... Certo sono uomo anche io e non credo che esista qualcuno che al mio posto avrebbe guardato le tonsille... Anche se, con quelle gonne a girocollo, credo che sarebbe stato possibile vedere anche quelle...

Mi sento in colpa per aver guardato come gli altri... Guardo una volante della polizia passare lentamente vicino alle ragazze... Non fanno nulla nonostante hanno già visto benissimo cosa fanno quelle donne... Vorrei aggiungere che tanto per cambiare non fanno nulla, ma temo che qualcuno si offenderebbe... Dalle mie parti si dice che chi afferma il vero non è mai sopportato...

Io ora invece voglio vedere i loro sguardi... Riuscire a capire se sono tristi o in imbarazzo... Tirar fuori dal loro sguardo cosa provano... Torno indietro...

Cammino cercando di incrociare il loro sguardo... Stanno litigando con un menestrello che vuol chiedere soldi per cantare... Ma incrocio lo sguardo della ragazza con la gonna rossa... Devo ammettere che è quella che mi piace di più... Le sorrido ma nei suoi occhi leggo solo tristezza e delusione di una donna che non crede più a nulla... Di una donna che non crederebbe ad un uomo nemmeno se le dicesse che la terra gira intorno al sole... Mi sento triste...

Per ritornare a casa devo passar di nuovo tra loro... Ritorno indietro pensando a quanto è bastardo il mondo... La bionda mi dice: "Andiamo?" e io: "No, grazie!"... Guardo ancora la ragazza con la gonna rossa e mi piange il cuore... Ho un nodo alla gola ma la saluto... Dopo poco anche la ragazza prosperosa mi chiede: "Andiamo?" ed io: "No grazie!"... Ma lei domanda: "Perché no?"...

Non ho saputo rispondere...

Sono andato via salutando.

prostitute[2].jpg

Share | Condividi

Questo sito è pienamente accessibile a chiunque!