02 sto dormendo da più di 15 anni + Auguri di Natale

Italiano

NOI SIAMO IL POPOLO,

noi siamo le formiche e i politici le cavalette....

"Ho visto queste formiche fare grandi cose! Anno dopo anno riescono in qualche modo a raccogliere cibo per se stesse e per voi. Perciò, qual'è la specie più debole? Le formiche non sono serve delle cavallette. Siete voi ad aver bisogno di noi!....

Per questo motivo le formiche possono rivoltarsi contro le cavallette e sostituirle, ma per fare ciò è prima necessario acquistrare la consapevolezza di una formica.

Le formiche non pensano a se stesse, ma lavorano insieme per la grandezza della colonia, per stare tutti bene, e non uno soltanto!

Bisogna per questo essere compatti, uniti e interessarsi attivamente, partecipare, coinvolgere, informare.... Lottare, si anche nel piccolo, ma farlo!

Non bisogna girare la spalle, non bisogna disinteressarsi alle cose, perchè basta una sola formica che si distrae e muore tutto il formicaio...

Non ci si può disinteressare al problema dei rifiuti: compriamo tutti le cose e buttiamo tutti i rifiuti. Non possiamo disinteressarci all'energia: accendiamo tutti le luci, riscaldamenti, tv ed elettrodomestici. Non possiamo disinteressarci alle guerre mascherate da missioni di pace o da opere di redenzione. 

Ed è per questo motivo, che per essere forti davvero, per avere la consapevolezza di formiche, dobbiamo avere le idee chiare su cosa vogliamo prima di ribellarci alle cavallette affrontando i vari argomenti.

La consapevolezza di ciò che vogliamo deve arrivare prima da noi, e quindi bisogna puntare il dito prima verso noi stessi, ammettendo gli errori e cercando di migliorarli per divenirte davvero consapevoli di avere una visione unica.

Quando avremo una visione unica allora potremo puntare il dito verso cose più grandi e migliorarle facendole entreare nella nostra visione delle cose... Solo così, a piccoli passi, tutto può essere migliorato, ma nessuno deve tirarsi indietro o aver paura di migliorare prima se stesso!

 

 

 

 

Multimedia: 

Discorsi dei politici